Statuto - AREM

Vai ai contenuti

Statuto

Scopi


STATUTO  ASSOCIATIVO

Art. 1 – DENOMINAZIONE
È costituita una associazione denominata
ASSOCIAZIONE  RICERCA E MEDICINA  –  AREM.
L’ Associazione è libera, apolitica, apartitica, senza fini di lucro e ha durata illimitata. L'Associazione ha sede a Saronno (Va). Il Consiglio Direttivo provvede a scegliere in questa città la sede più opportuna che è attualmente in Via Tommaso Grossi 9.

Art. 2 - SCOPI
L'Associazione ha i seguenti scopi:
Promuovere e sviluppare l’attività e progetti mirati di Ricerca Scientifica in campo sanitario e ambientale.e favorire l’attività di formazione professionale e/o  sanitaria  ed informazione del Medico; d’Azienda, del Medico Competente, del Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione che opera in azienda, attraverso l’organizzazione di corsi ed eventi formativi con accreditamento ECM;
Promuovere  iniziative dirette a favorire e valorizzare le attività di ricerca tecnica,  clinica ed epidemiologica;  
Promuovere la diffusione della cultura in materia di prevenzione dei rischi da lavoro e di tutela della salute dei lavoratori;
Promozione e  realizzazione di programmi rivolti all'educazione alla salute della popolazione; con il Ministero della salute, le Regioni, le Aziende sanitarie e gli altri organismi e istituzioni sanitarie pubbliche, incluso l’UE, OMS, ILO;
Organizzare eventi  e convegni atti a favorire momenti d’incontro formativi , divulgativi e  associativi  sulle diverse tematiche.

Art. 3 - SOCI
Gli associati, sia persone fisiche e/o persone giuridiche,  possono appartenere ad una delle seguenti categorie:
3 a) Soci Promotori: sono i soci che hanno promosso la fondazione dell’associazione. Essi sono membri di diritto dell’Associazione per tutta la durata della stessa. Primo socio promotore è la Nike srl per il cospicuo contributo dato alla nascita ed allo sviluppo dell’associazione.
3 b)  Soci Fondatori sono coloro che sono intervenuti all’atto della costituzione dell’Associazione.
3 c) Soci ordinari: possono essere iscritti all'Associazione, quali  persone fisiche o persone giuridiche. I soci ordinari , persone fisiche devono essere preferibilmente, i laureati in Medicina e Chirurgia, abilitati all'esercizio della professione, che svolgono o hanno svolto attività di Medici del Lavoro in Azienda.  Responsabili del Servizio di prevenzione e protezione, Igienisti Industriali , addetti alla sicurezza, Specialisti in Psicologia del Lavoro.  i soci  persone giuridiche, possono appartenere a qualsiasi comparto produttivo pubblico o privato e società di servizi, associazioni  facenti parte della medicina del lavoro e della sicurezza e prevenzione. La domanda di iscrizione all'Associazione deve essere corredata da curriculum professionale. Il Consiglio Direttivo dell'Associazione decide l'accettazione della domanda in base ai criteri previsti dal Regolamento.
3d) Soci straordinari: possono essere iscritti, quali soci straordinari, i laureati in Medicina e Chirurgia, abilitati all'esercizio professionale, specialisti o specializzandi in Medicina del Lavoro o discipline equipollenti, che non svolgono attività di Medici del Lavoro in Azienda. I soci straordinari hanno diritto al voto ma non fanno parte degli organi sociali. La domanda di iscrizione all'Associazione deve essere corredata dai titoli professionali.
3 e) Soci onorari: possono essere nominati dal Consiglio Direttivo dell'Associazione, su proposta degli iscritti, soci onorari persone fisiche, alle condizioni previste dal regolamento. I soci onorari hanno diritto al voto nell'ambito dell'Assemblea.
3 f) Soci  d’eccellenza : possono essere nominati dal Consiglio Direttivo dell'Associazione, su proposta degli iscritti, alle condizioni previste dal Regolamento. I Soci d’Eccellenza  possono essere  o  persone fisiche o giuridiche,  che si sono particolarmente distinti per l’elevato valore scientifico dell’attività svolta sia all’interno che all’esterno dell’associazione alle condizioni previste dal Regolamento. I soci  d’eccellenza  non hanno diritto al voto.
3g) Soci sostenitori: possono essere nominati dal Consiglio Direttivo soci sostenitori persone fisiche o giuridiche, alle condizioni previste dal Regolamento. I soci sostenitori possono farsi rappresentare da loro delegati ai lavori dell'Assemblea e di qualsiasi altra manifestazione indetta dall'Associazione. I soci sostenitori non hanno diritto al voto e non fanno parte degli Organi Sociali.

Art. 4 ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO
Il diritto  all’elettorato attivo spetta a tutti gli associati purchè in regola con il versamento della quota associativa  che deve essere effettuato entro il 30 gennaio di ogni anno.  Il socio,  che non abbia provveduto al versamento della quota associativa entro il termine di mesi tre ,  dalla data prevista decade automaticamente dalla qualifica di associato.

Art. 5 - RAPPORTO ASSOCIATIVO
Il rapporto associativo si instaura con l'accettazione della domanda da parte del Consiglio Direttivo e con il versamento della quota associativa da rinnovarsi annualmente, fatta eccezione per i soci onorari. Il rapporto associativo si interrompe per dimissioni del socio, per mancato versamento del contributo associativo, per radiazione deliberata dal Consiglio Direttivo nei confronti del socio che commetta azione contraria ai fini statutari.

Art. 6 - FONDI
I fondi dell'Associazione sono costituiti da:  contributi associativi al cui versamento ogni socio è tenuto nella misura e secondo le modalità stabilite dal Consiglio Direttivo. Contributi sotto forma di donazioni, lasciti ed elargizioni di enti pubblici, privati e persone fisiche,  purché compatibili con fini statutari. Proventi ed utili derivanti dall’attività principale e dalle attività strumentali, eventualmente svolte dall’associazione, quali a titolo esemplificativo, royalties per diritti d’autore, corrispettivi a fronte di ricerche , consulenze , partecipazioni ad iniziative di carattere scientifico.

Art. 7 - ORGANI
Organi dell'Associazione sono:
l'Assemblea Consiglio Direttivo Collegio dei Revisori dei Conti Collegio dei Probiviri.

Art. 8 - ASSEMBLEA
L'Assemblea è costituita dai soci. All'Assemblea compete:
l'elezione dei componenti del Consiglio Direttivo, del Collegio dei Revisori dei Conti e del Collegio dei Probiviri; la relazione del Consiglio Direttivo sull'attività svolta e sui programmi per l'avvenire; il conto consuntivo e il bilancio preventivo; eventuali modifiche dello Statuto; in merito allo scioglimento dell'Associazione.

Art. 9 - CONVOCAZIONI E DELIBERAZIONI
L'Assemblea deve essere convocata in via ordinaria almeno una volta ogni anno. L'Assemblea viene convocata in via straordinaria quando il Consiglio Direttivo ne decide la necessità, o su richiesta di almeno il 10% dei soci. L'Assemblea, ordinaria o straordinaria, viene convocata mediante avviso scritto diretto a ciascun socio almeno 15 giorni prima della data della adunanza, in prima e seconda convocazione. L'Assemblea è validamente costituita e delibera in prima convocazione quando sia presente o rappresentata la maggioranza dei soci, in seconda convocazione qualunque sia il numero dei soci presenti o rappresentati. Le delibere sono prese a maggioranza semplice dei voti, con modalità di votazione stabilite di volta in volta dall'Assemblea stessa. Ogni socio può essere rappresentato da altro socio, mediante delega scritta. Ciascun socio può essere portatore di una sola delega. I lavori dell'assemblea sono diretti dal Presidente e verbalizzati dal Segretario dell'Associazione.

Art. 10 - ASSEMBLEA STRAORDINARIA
In casi particolari l'Assemblea straordinaria può essere tenuta tramite referendum tra i soci mediante corrispondenza.

Art. 11- CONSIGLIO DIRETTIVO
Il Consiglio Direttivo è composto da almeno nove membri, con un massimo di quindici, ma sempre in numero dispari, eletti dai soci e scelti tra i soci. Il Consiglio dura in carica quattro anni. Il Consiglio ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione dell'Associazione, per la realizzazione degli scopi sociali. Il Consiglio Direttivo, con libero procedimento, nomina tra i suoi componenti il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario dell'Associazione. Il Consiglio è convocato dal Presidente, o su richiesta di almeno tre Consiglieri, non meno di dieci giorni prima della data della adunanza, con indicazione degli argomenti all'ordine del giorno. Il Consiglio è validamente costituito e delibera a maggioranza semplice dei voti quando è presente la maggioranza dei suoi componenti. Essi non possono farsi rappresentare. In caso di parità decide il voto del Presidente. In caso di dimissioni o di decesso di un componente del Consiglio, il suo posto viene preso dal primo dei soci non eletti all'ultima votazione per il Consiglio.

Art. 12 - PRESIDENTE
Il Presidente convoca il Consiglio Direttivo e l'Assemblea, cura l’esecuzione delle delibere del Consiglio Direttivo. Il Presidente ha la rappresentanza legale dell'Associazione di fronte ai terzi ed in giudizio. Il presidente dura in carica 3 anni . Le sue funzioni, nell'ipotesi di assenza o impedimento, vengono espletate dal Vice Presidente ed in assenza di questi dal Consigliere più anziano presente.

Art. 13 - SEGRETARIO
Il Segretario cura la realizzazione degli obiettivi dell'Associazione, anche per delega del Presidente e del Vice Presidente. Il Segretario svolge la funzione di Tesoriere

.Art. 14 - COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI
Il Collegio è composto da tre membri effettivi e da due membri supplenti, eletti dai soci e scelti tra i soci. Il Collegio dura in carica quattro anni. I membri effettivi del Collegio nominano tra loro con libero procedimento il Presidente del Collegio. Il Collegio controlla l'amministrazione dell'Associazione, verificando le operazioni di cassa, accertando la regolare tenuta della contabilità ed esaminando il consuntivo.

Art. 15 - COLLEGIO DEI PROBIVIRI
Il
Collegio è composto, dura in carica, nomina il suo Presidente, secondo le norme dettate per il Collegio dei Revisori dei Conti. Il Collegio vigila sulla osservanza delle disposizioni statutarie e di legge ordinatrici dell'attività dell'Associazione. Il Collegio delibera sui ricorsi avverso le attività del Consiglio Direttivo e sulle controversie tra i soci.

Art. 16 - ELEZIONI DEL CONSIGLIO E DEI COLLEGI
Le elezioni dei componenti il Consiglio Direttivo, il Collegio dei Revisori ed il Collegio dei Probiviri avvengono ogni quattro anni. In occasione dell'assemblea ordinaria, con votazione e scrutinio segreto, su liste di candidati raccolte e notificate dal Consiglio Direttivo. I soci impossibilitati a presenziare all'Assemblea possono esprimere il loro voto mediante corrispondenza, nel rispetto dell'anonimato del voto, secondo le modalità previste dal Regolamento.

Art. 17 - REGOLAMENTO
Il Regolamento, predisposto dal Consiglio Direttivo, precisa le modalità di applicazione del presente Statuto.

Art. 18- ESERCIZIO FINANZIARIO
L’esercizio finanziario coincide con l’anno solare e chiude al 31 Dicembre di ogni anno. Entro quattro mesi dalla fine di ogni esercizio verranno predisposti dal Consiglio Direttivo, per la successiva approvazione da parte dell’Assemblea, il rendiconto economico ed il bilancio preventivo del successivo.

Art. 19 - SCIOGLIMENTO DELL'ASSOCIAZIONE
In caso di scioglimento dell'Associazione, designerà uno o più liquidatori  determinandone i poteri. l patrimonio sociale viene devoluto secondo le deliberazioni dell'Assemblea dei soci.

Art. 20 - NORME FINALI
Per quanto non contemplato nel presente Statuto si fa espresso riferimento alle disposizioni di Legge vigenti.


Torna ai contenuti